LA STORIA DI ARLECCHINO

1 commento
Arlecchino poverino
non aveva un vestitino.
Ogni bimbo gli ha portato
un pezzetto colorato
e la mamma gli ha cucito
un bellissimo vestito.
Tutti insieme i bei colori,
come tanti sono i cuori
che han donato la letizia
con un gesto di amicizia!



Arlecchino era un bambino che viveva con la sua mamma in un piccolo paesino in provincia di Bergamo.
Erano molto poveri e la sua mamma lavorava come cameriera, faceva le pulizie, sapeva anche cucire... cercava sempre di darsi da fare. Nonostante fossero poveri, erano felici perché si accontentavano di quello che avevano, erano sempre buoni e gentili e per questo amati da tutti. 
Si avvicinava il Carnevale e anche a scuola la maestra organizzò una festa in maschera: tutti i bambini parlavano degli abiti e delle maschere che avrebbero indossato e quando chiesero ad Arlecchino come si sarebbe vestito egli rispose: “Mi vestirò come tutti gli altri giorni... ma mi divertirò lo stesso”.
Sapeva che la sua mamma non aveva soldi per comperargli un vestito nuovo.
I compagni di scuola allora si misero d'accordo fra loro e, il giorno dopo, tutti portarono un pezzetto di stoffa che le loro mamme avevano trovato dentro i cassetti, nel cestino del cucito...
Si accorsero però che i pezzetti di stoffa erano tutti di colori diversi... Come fare? Non volevano che Arlecchino fosse senza vestito per la festa!
“Non temete!”  disse Arlecchino. “Ci penserà la mia mamma... lei ha sempre una soluzione per ogni cosa!"
Tornato a casa mostrò alla mamma tutti i ritagli di stoffa colorata e lei, durante la notte, cucì insieme tutti i pezzetti di stoffa e confezionò un bellissimo vestitino colorato. 
La mattina dopo Arlecchino uscì di casa con il suo vestito nuovo, saltando e cantando dalla gioia per quel bellissimo abito che gli aveva cucito la mamma. 
Tutti gli fecero grande festa e quell’originale vestitino sembrò ancor più bello perché fatto grazie alla generosità di ogni bambino: ogni bimbo aveva capito che mettendo ognuno un pezzetto di stoffa avevano contribuito a creare una cosa meravigliosa.
Il vestito di Arlecchino divenne il simbolo dell’amicizia e della bontà dei bambini e della solidarietà delle loro mamme.

La maschera di Arlecchino ben si presta per fare dei lavoretti con i bambini: è molto colorata e allegra e i piccoli si divertiranno sicuramente.
Oltre al classico disegno da colorare con matite e pennarelli (ne trovate alcuni cliccando QUI ), ecco altre idee che ho trovato in rete:

* palline di carta velina o carta crespa:
anzichè colorare il disegno con matite o pennarelli, si possono fare tante piccole palline di carta crespa o carta velina che poi vanno incollate sul disegno

Fonte Pinterest
* "travestire" il frigorifero (ma anche un armadio, una porta... perchè no?):
ecco un'idea spiritosa su come si può abbellire casa durante il periodo di Carnevale: semplici pezzetti di carta o cartoncino colorato da appiccicare qua e là usando un pezzetto di nastro carta (nastro da pittori), così non si lasceranno poi segni di colla come accade quando di usa il tradizionale nastro adesivo.
Fonte Pinterest
* ritagli di stoffa:
qui c'è solo la mascherina ma possiamo fare anche il disegno intero e colorarlo utilizzando tutti ritagli di stoffe colorate... proprio come la storia di cui sopra.


Fonte Pinterest

1 commento

Grazie per aver lasciato un tuo commento, sarà pubblicato il prima possibile!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Mamma aiuta Mamma