Il modo di comunicare del bebé: piangere!

Nessun commento

Come comunicano i neonati



Se per l’adulto il pianto ha una connotazione negativa in quanto  sinonimo di malessere e tristezza, per il bebè rappresenta il modo di esprimere i suoi desideri, le sue sensazioni, dunque di comunicare con l’ambiente. Alla nascita il pianto, che esprime la vitalità del bebé, è allo stesso tempo espressione di gioia per aver superato i rischi del parto, ma anche di angoscia di trovarsi in un ambiente con caratteristiche tanto diverse da quelle dell’utero materno a cui era abituato.
Le sensazioni che il bebé prova alla nascita sono infatti di profonda insicurezza: luci, rumori, mancanza di liquido in cui era immerso rappresentano delle novità a cui deve per forza adattarsi per sopravvivere. Tuttavia non è in grado di riuscirci da solo, senza l’aiuto dell’adulto, che perciò cerca di attrarre con il pianto, perché venga in suo soccorso e lo aiuti a vivere.

Il modo di comunicare del bebé: piangere!


Libri per crescere: Gli spaesati

Nessun commento

Gli spaesati, edizioni Verbavolant

Siamo da sempre abituati a vedere e immaginare gli animali nel loro habitat naturale.
Ma cosa accadrebbe se un giorno gli animali decidessero di migrare verso altri luoghi?

Lo possiamo scoprire in questo bell'albo dal formato generoso e dal testo in rima proposto sia in italiano che in francese.
L'autrice ci spiega subito che diversi animali hanno deciso, per svariate ragioni più o meno banali, di cambiare paese.

Gli spaesati


Mauritius meta per matrimoni

Nessun commento

Continua il viaggio attraverso le mete estere per matrimoni diversi dal solito.


Oggi vi parlerò delle Mauritius una meta solitamente conosciuta dagli Italiani per i viaggi di nozze o per le vacanze. Oltre a ciò può essere considerata meta da sogno anche per matrimoni più o meno intimi.

Matrimonio alle Mauritius, un posto da sogno a cui aggiungere il viaggio di nozze

Acqua di cottura, acqua di bellezza

Nessun commento
Pasta, riso, patate, asparagi, spinaci, bietole...

No, non è la lista della spesa, o meglio potrebbe anche esserlo.

Che cosa hanno in comune questi ingredienti? Il fatto che possono essere bolliti.

Forse non tutte sanno che quando si bolle un alimento le sostanze in esso contenute, soprattutto i sali minerali, finiscono nell'acqua di scarto.

E' per questo che si dovrebbe preferire cuocere gli alimenti al vapore.

Al di là di tutto, va da sé che, se per alcuni alimenti questo è possibile, per altri invece non lo è.

Chi si azzarderebbe a cuocere la pasta al vapore? Non si può nemmeno sentire.

Ma non è detto che l'acqua di bollitura debba essere per forza buttata via.

Acqua di cottura, acqua di bellezza



Vivere in America.

Nessun commento

Le news dalla nostra blogger americana


Lo so che ho trascurato il blog in questi ultimi mesi ma la mia vita è stata sottoposta a talmente tanti impegni che il tempo che ricavavo preferivo dedicarlo alla mia famiglia e a me stessa, non mi vogliate male per questo. 

Negli ultimi mesi ci sono stati dei cambiamenti in positivo, tante novità stimolanti e sono pronta a condividerle con voi che mi seguite in questa avventura americana sin dall’inizio. 




USARE GLI ACQUERELLI PER CREARE EFFETTI DECORATIVI

Nessun commento
La mia signorina ha sempre adorato usare gli acquerelli: non li usava per colorare ma per creare degli effetti decorativi sulla carta (vedi il post QUI: Fuori piove e noi usiamo gli acquerelli)

Ora, anche se è cresciuta, li usa ancora moltissimo per colorare carte e cartoncini che utilizza poi per creare dei bigliettini e ha trovato un bellissimo "stratagemma" per creare un effetto tipo "gocce di pioggia"

USARE GLI ACQUERELLI PER CREARE EFFETTI DECORATIVI


Pets 2: la vita segreta degli animali torna protagonista sugli schermi

Nessun commento

Prendete un Terrier apprensivo, un coniglietto paffuto, candido e morbido come la neve, ma un po' agitato, ed una gattona pigrotta in piena dipendenza da erba gatta... Chi sono? Semplicemente i miei tre preferiti tra i protagonisti del decimo film d’animazione dell’Illumination.

Sto parlando di Pets 2, sequel della commedia campione di incassi del 2016, in uscita nelle sale il prossimo 6 giugno.

Se già col primo film si era cercato di rispondere alla domanda che ci incuriosisce da sempre (cosa faccia veramente un animale domestico quando rimane a casa da solo), questo secondo capitolo ci racconta come l’arrivo di un bambino travolga non solo la vita dei neo mamma e papà, ma anche quella dei cuccioli di casa.

Il film si snoda su tre storie diverse, intrecciate l’una con l’altra, che raccontano le avventure degli abitanti pelosi di un condominio della periferia di New York.


© 2019 UNIVERSAL STUDIOS


Libri per crescere: La furia di Banshee

Nessun commento

Banshee esce a grandi passi dal suo castello di cristallo.
E' così furiosa che i suoi capelli biondi restano ritti intorno al volto. E' così furiosa che, quando i suoi piedi nudi toccano terra, l'erba secca prende fuoco e l'erba umida annerisce e muore.
Giunta alla grande spiaggia, in preda all'ira, con un solo gesto della mano inizia a far roteare gli scogli per aria e a farli affondare al largo o a farli cozzare fra di loro.


Ma questo a Banshee non basta: le onde sono troppo calme rispetto al suo stato d'animo e facendo un giro su se stessa scatena onde gigantesche. Il vento è troppo gentile e la piccola fata ordina all'uragano di venire al suo cospetto.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Mamma aiuta Mamma