Ricetta Muffin Pizza

Nessun commento

Come preparare dei muffin salati alla pizza

Ciao amici! Ecco una ricetta velocissima da preparare oggi, un finger food ideale da utilizzare come antipasto, per un aperitivo o da servire ad un buffet. 
Questi Muffin pizza sono davvero perfetti, hanno un cuore morbido e filante…vediamo come si preparano!
muffin pizza


Lavoretti con bambini: 10 idee per creare con sabbia, conchiglie e sassi

Nessun commento

10 idee per creare dei lavoretti con sabbia, conchiglie e sassi.

L’autunno si avvicina e per quanto sia una stagione dalle sfumature affascinanti, porta con sé la nostalgia per le vacanze appena passate.
Le giornate autunnali di contro ci regaleranno del tempo da trascorrere in casa che potremo utilizzare per personalizzare degli angoli da dedicare ai ricordi della nostra estate.
Per chi in spiaggia ha raccolto un po' di conchiglie, sabbia o sassolini, ecco una selezione di idee per portarsi l’estate anche in casa e trascorrere del tempo creativo con i bambini.

1) Targhetta fuori porta 
E voi ne avete già una? Se la risposta è no, questa può essere una base di partenza per creare la vostra a seconda del gusto personale e dei colori da abbinare alla porta.

10 idee per creare con sabbia, conchiglie e sassi
Fonte: Pinterest

Restyling di una maglietta. Ecco come trasformarla in una borsa!

Nessun commento

Riciclo creativo: come trasformare una maglietta in una borsa

Un paio d'anni fa vi avevo fatto vedere come riutilizzare una maglietta e farla diventare un mini abito (Ecco il post: restyling di una maglietta)
Ora invece voglio farvi vedere come riciclare una maglietta facendola diventare una borsa!
Questa è una borsa facile da realizzare anche dai bambini, senza cuciture, magari facciamo noi i tagli se i bimbi son troppo piccoli.

Materiale occorrente una vecchia maglietta, magari con qualche buchino, un po' consumata... insomma una maglietta che non indossiamo più

come trasformare una maglietta in una borsa



Corsica: le spiagge per i bambini, quelle fornite di ogni comfort

Nessun commento

Corsica con i bambini

La Corsica è nota per la sua bellezza dovuta in larga parte alla presenza di una natura selvaggia e di un ambiente lasciato intatto nel corso dei secoli.

La presenza dell’uomo è impercettibile in parecchi tratti di costa e poter fare una vacanza in famiglia, con tanto di bambini piccoli al seguito, richiede solitamente spirito di adattamento.

Da un lato la gelosia dei corsi nei confronti della propria isola ha permesso di lasciare praticamente intatto il fascino del luogo, le spiagge e il mare che si trovano in Corsica non sono facilmente trovabili altrove nel mondo e la natura è così pura e originale che portare i bambini su un’isola del genere è un’esperienza unica e formativa, soprattutto per quei piccoli esploratori che amano stare nel verde incontrastato.

Resta comunque vero il fatto che un viaggio su quest’isola richiede una certa preparazione da parte dei genitori.

Corsica


Il primo giorno di scuola elementare per mamme con bambini ADHD

1 commento

IO, SPERIAMO CHE ME LA CAVO (primo giorno di scuola elementare per mamme con bambini ADHD)


In questi primi giorni di settembre leggo in continuazione, sui giornali e sui vari social, articoli dedicati al rientro a scuola, al primo giorno di scuola elementare, all'emozione delle mamme e dei bambini. Vedo foto di bimbi sorridenti con zaino e grembiulino, leggo di mamme in uno stato di agitazione mista a commozione, che le porta fino alle lacrime... e sorrido, tra le lacrime. Sorrido perchè molte di quelle mamme, oserei dire quasi la maggioranza, non hanno idea di cosa sia l'ansia per il primo giorno di scuola, la sensazione di ineluttabilità mista a impotenza, che ti porta a sperare con tutta te stessa di incontrare la "giusta maestra" ed i "giusti compagni di classe".
Speri in un corpo docente paziente e qualificato, in genitori senza paraocchi, ed in bambini non troppo inclini alle prese in giro... come dire che credi agli unicorni rosa.

Invece di girare cartolerie alla ricerca del quaderno più bello, dell'astuccio cool e dello zaino perfetto, sei in giro tra segreterie, uffici didattica, neuropsichiatri ed educatori, a portare certificati, richieste dell'ospedale, per far sì che le maestre siano "preparate" a ciò che le aspetta.
Prepari tutto il materiale scolastico anche tu, certo, con infinito amore, ma la tua mente è presa da ben altri pensieri: riuscirà a farsi almeno un amico? 

Il primo giorno di scuola elementare per mamme con bambini ADHD



Luce per amare un bambino

Nessun commento

Luce per amare un bambino di Gabriella Karin Turci


Questa settimana vorrei proporvi non un libro per bambini bensì un libro, o meglio un diario, per genitori e persone a stretto contatto con i bambini.
Luce per amare un bambino è un cofanetto pensato per stimolare l'attenzione dall'adulto verso il mondo dell'infanzia.
L'obiettivo dell'autrice (mamma e formatrice) è non solo quello di indurci a riflettere e a farci delle domande ma anche quello di apportare cambiamenti pratici nelle relazioni che abbiamo con i bambini.

Luce per amare un bambino di Gabriella Karin Turci

I pidocchi, creature fastidiose e come eliminarle!

Nessun commento

Come eliminare i pidocchi, la mia esperienza.


Non mi sento molto a mio agio a parlare di questo argomento (ma trovo che sia utile, in qualche modo). È un tema talmente fastidioso, fastidioso quanto loro. 

Mentre scrivo, già solo l’idea mi fa grattare! Voi direte, che frase sconnessa è questa? E avete ragione, ma se vi dico Pidocchi diventa ad un tratto tutto più chiaro e fastidioso per tutti ... 

Ho deciso a malincuore di scrivere questo articolo su di loro perché ci hanno appena fatto visita qualche settimana fa! 

Cominciamo dall’inizio... 

I pidocchi, creature fastidiose e come eliminarle!


Imparare a rispettare i NO dei bambini.

Nessun commento

E' importante imparare a rispettare i NO dei bambini.

Quando ero piccola io erano gli anni '80, c'era un certo tipo di mentalità, accentuata nel mio caso dalle origini non proprio bolzanesi. Questa mentalità prevedeva che i bambini fossero imprescindibilmente succubi di atteggiamenti e richieste da parte di adulti ai quali dovevano per forza sottostare, solo perché i loro 70 cm li ponevano in condizioni di non poter dire no.

"Dai un bacio, forza", "Saluta", "Vai in braccio a tizio, caio o Sempronio".

E vai di braccia di conoscenti che si ritenevano autorizzati a prenderti e palleggiarti come se fossi un pupazzo, darti baci e bacini bavosi. E a volte non erano neanche conoscenti ma semplicemente i nonni o gli zii che in quanto tali pensavano di aver sempre diritto a strapparti una guancia anche quando proprio non ne avevi voglia.
E tu che ti dimenavi e dicevi NO, non eri minimamente preso in considerazione.

Imparare a rispettare i NO dei bambini.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Mamma aiuta Mamma